L'informazione "sponsorizzata" su lievi disturbi e patologie fantasma Stampa
Scritto da Redazione   
Martedì 01 Gennaio 2008 01:00
Egregio Direttore,
mi ha particolarmente colpito l'articolo "Cos le industrie farmaceutiche ci vogliono malati? immaginari " pubblicato sul "Quotidiano di Sicilia" l'11/7/2006, nel quale vengono riportati i ritrovamenti di strette connessioni tra ricercatori scientifici nel campo medico, psichiatrico e case farmaceutiche.
"Lievi problemi di salute vengono dipinti come patologie gravi, con la complicit… di gigantesche campagne pubblicitarie frutto di attente operazioni di marketing elaborate dalle grosse industrie farmaceutiche?Si possono fare montagne di soldi infatti, convincendo la gente sana che Š malata", scrive l'autore dell'articolo.
Il modo in cui questo avviene concretamente merita particolare attenzione. Tratto dalle rivelazioni di un esperto newyorkese di pubblicit… Vince Parry, nell?articolo si legge: "?le societ… farmaceutiche stimolano la creazione delle patologie mediche . A volte accendono i riflettori su malattie poco note, o anche inventano un nuovo nome una nuova definizione per vecchi disturbi.
Promuovere esclusivamente le pillole sarebbe riduttivo. La vera propaganda , quindi la si fa direttamente 'sponsorizzando' disturbi e malattie . Come? Mettendo in campo eserciti di informatori, influenzando la ricerca scientifica, sponsorizzando importanti convegni medici, persino 'pilotando' le commissioni statali che aggiornano le definizioni delle malattie. Sono sempre pi— numerosi i casi di medici che redigono le direttive il cui nome compare sui libri paga dei produttori di farmaci".
Cos mentre Š stato stimato che negli USA : " ?..un buon 60 per cento della ricerca e dello sviluppo biomedico riceve finanziamenti da fonti private. In prevalenza si tratta di case farmaceutiche. La percentuale sfiora il cento per cento nel settore degli antidepressivi : quasi tutti i test clinici di questi farmaci vengono finanziati dagli stessi produttori". Non solo , ancora pi— sconcertanti sono le percentuali per quanto riguarda Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM) , il testo utilizzato dagli psichiatri per le diagnosi dei disturbi mentali, "? pi— della met… degli esperti che ha redatto le definizioni, infatti ha legami finanziari con aziende nel settore farmaceutico".
Forse tutto ci• Š stato reso possibile dalle modalit… con le quali vengono diagnosticate le malattie nel campo della salute mentale.
Recenti contestazioni hanno messo in dubbio la validit… delle diagnosi psichiatriche, in quanto non comprovate da prove scientifiche di laboratorio, come nel campo medico, basate solo su test e valutazioni soggettive dei sintomi. Alla luce di quanto sopra non deve pi— sorprenderci il proliferare di scoperte di nuove malattie, che leggiamo quasi quotidianamente sui media. Cos quando ci viene detto che Š stata scoperta l'esistenza del disturbo da shopping compulsivo, di disturbi di apprendimento, del disturbo della cioccolata (ne sono affetti persone che mangiano troppa cioccolata), che la percentuale di bambini depressi Š stata sottostimata e che ora si aggira intorno al 10 per cento , che i "dislessici " (bambini che hanno difficolt… nella scrittura, nella lettura o nel fare i calcoli) dal 4% dell'anno scorso sono passati al 6%, che si sta studiando: lo stress da rapina (di cui sarebbero affetti gli impiegati di banca) ecc., quanta credibilit… dobbiamo dare a queste scoperte? Nessuna!
Si incrementano i bilanci gi… miliardari delle case farmaceutiche, mettendo a repentaglio la salute e la sanit… di milioni di persone. Quando grazie ad una intensa attivit… di "ricerca " per formulare nuove diagnosi e cos triplicare le vendite di potenti psicofarmaci , con effetti collaterali che causano danni cerebrali irreversibili e in alcuni casi anche il suicidio, le case farmaceutiche ?fatturano 20 miliardi di dollari? (come cita lo stesso articolo di cui sopra), non si sta festeggiando il successo delle vendite di azioni, vestiti o gioielli ma la morte della societ….
Siamo di fronte ad una totale mancanza di responsabilit…, di etica e onest… professionale, di onest… scientifica e questo riguarda tutte le persone coinvolte nella catena.
Quando si antepongono gli interessi economici alla salute dei cittadini e tra questi anche dei bambini, ( Š di qualche mese fa l'approvazione di prescrizione di Prozac ai bambini di otto anni), non ci si pu• non chiedere chi deve fare qualcosa per fermare tutto ci•? Ogni giorno veniamo aggiornati dai telegiornali degli sviluppi di calciopoli, mentre nessuna notizia viene data su fatti cos allarmanti e di notevole portata per la salute della popolazione.
Ringrazio questo giornale per averci fornito informazioni di cos vitale importanza.
Prof.ssa Margherita Pellegrino
 

Il sito utilizza i cookies per migliorare l'aspetto e l'uso del portale. I Cookies sono usati solo per le operazioni essenziali. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information