Pubblicizza il tuo sito

Banner

Pubblicità

Home Notizie Articoli archiviati

Donazioni

1€ PER I TUOI DIRITTI

SOSTIENI IL MOVIMENTO
"ITALIA DEI DIRITTI"

UN PICCOLO AIUTO PER LA LEGALITA'

Potete fare donazioni con :

PAYPAL, POSTEPAY e BONIFICO BANCARIO

- paypal, inviando la somma a italiadiritti@yahoo.it

- postepay, effettuando on-line, presso qualsiasi ufficio postale o presso qualsiasi ricevitoria Sisal una ricarica postepay sulla carta numero 4003-6005-8578-6249 intestata al presidente del movimento Antonello De Pierro.

- bonifico bancario su conto intestato al presidente del movimento Antonello De Pierro (codice IBAN: IT30 J056 9603 2180 0000 2079 X65)

Login



Calabria, arrestato latitante: era nella lista dei trenta più pericolosi PDF Stampa
Scritto da Redazione   
Lunedì 29 Dicembre 2008 15:14

 

 

È stato trovato a casa di parenti dai poliziotti che lo cercavano da undici anni.

 Finisce così la fuga di Pietro Criaco, 37 anni, uno dei trenta latitanti più pericolosi d’Italia. Era a Africo, in provincia di Reggio Calabria, il paese della sua cosca, i Cordì.
L’arresto è avvenuto grazie ad un’operazione coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia del capoluogo calabrese. Soddisfatto il procuratore nazionale antimafia, Pietro Grasso, che ringrazia per il loro impegno gli «investigatori della polizia di Stato che hanno lavorato anche durante il Natale, mentre tutti quanti festeggiavano con le proprie famiglie. L'impegno nella lotta alla 'ndrangheta – ricorda Grasso – dipende anche da queste persone che si privano degli affetti dei loro familiari pur di aggiungere un nuovo tassello per rafforzare la legalità».
Pietro Criaco era ricercato dal 1997. Secondo gli inquirenti ha partecipato attivamente alle guerre di mafia avvenute a Locri nell'ultimo decennio. Nel processo «Primavera», conclusosi nel giugno del 2000, venne condannato a 19 anni insieme ai capi storici delle famiglie Cordì e Cataldo per associazione mafiosa, omicidio ed estorsione. Un soggetto pericoloso e spietato, «un sicario – racconta ancora Grasso – del quale i pentiti raccontano che si lavava le mani nel sangue delle proprie vittime».
Per Marco Minniti, ministro della Giustizia del governo ombra, si tratta di una «notizia straordinaria»: «Un colpo di quelli che lasciano il segno. L'arresto di Pietro Criaco, uno dei trenta latitanti più pericolosi del Paese, considerato la struttura armata di cosche tra le più potenti della Locride, contribuisce ad indebolire la ndrangheta calabrese, quella che spara e quella che fa sparare. Al capo della polizia, prefetto Manganelli, al questore di Reggio Santi Giuffrè, alle donne a e agli uomini della Polizia di Stato che hanno centrato questo faticoso e pericoloso obiettivo, il plauso e il ringraziamento mio e di tutto il Pd».

 

Fonte

 

        

Il sito utilizza i cookies per migliorare l'aspetto e l'uso del portale. I Cookies sono usati solo per le operazioni essenziali. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information