Pubblicizza il tuo sito

Banner

Pubblicità

Home Notizie Articoli archiviati

Donazioni

1€ PER I TUOI DIRITTI

SOSTIENI IL MOVIMENTO
"ITALIA DEI DIRITTI"

UN PICCOLO AIUTO PER LA LEGALITA'

Potete fare donazioni con :

PAYPAL, POSTEPAY e BONIFICO BANCARIO

- paypal, inviando la somma a italiadiritti@yahoo.it

- postepay, effettuando on-line, presso qualsiasi ufficio postale o presso qualsiasi ricevitoria Sisal una ricarica postepay sulla carta numero 4003-6005-8578-6249 intestata al presidente del movimento Antonello De Pierro.

- bonifico bancario su conto intestato al presidente del movimento Antonello De Pierro (codice IBAN: IT30 J056 9603 2180 0000 2079 X65)

Login



Muore Claudio Vitalone, magistrato e andreottiano di ferro PDF Stampa
Scritto da Redazione   
Lunedì 29 Dicembre 2008 16:19

 

 

Nato a Reggio Calabria il 7 luglio 1936, Claudio Vitalone, morto la notte scorsa a Roma, ha alternato l'attività politica a quella di magistrato, carriera quest'ultima tormentata dalla vicenda giudiziaria che l'ha visto coinvolto, assieme a Giulio Andreotti, nel processo per l'omicidio del giornalista Mino Pecorelli, da cui fu però assolto.


Sposato, quattro figli, Vitalone si laurea in giurisprudenza ed entra in magistratura nel 1961, diventando sostituto procuratore presso la procura della Repubblica e la procura generale della capitale, fino a consigliere di Cassazione quando, imputato nel processo Pecorelli, nel '93 viene sospeso dalle funzioni e dallo stipendio. Una volta prosciolto definitivamente, chiede e ottiene - non senza aver ingaggiato un braccio di ferro con il Csm - il riconoscimento alla ricostruzione della carriera, con la nomina a presidente di sezione della Suprema Corte.
L'attività politica Vitalone la comincia a svolgere attività politica nel 1952 iscrivendosi ai gruppi giovanili della Dc. Due anni dopo è segretario politico della sezione democristiana di Monteverde Vecchio, a Roma. Eletto senatore quattro volte, la prima il 3 giugno '79 nel collegio di Tricase, è ministro del commercio estero nel Governo di Giuliano Amato e presiede varie commissioni, come l'antimafia e quella inquirente per i procedimenti di accusa.
Ha svolto l'incarico di sottosegretario agli affari esteri nel sesto e settimo esecutivo guidato da Giulio Andreotti. A livello europeo è stato coordinatore per l'Italia della lotta alla droga in seno alla Cee. Si era dimesso da senatore il 6 agosto del 1992.
Dopo l'ingresso in politica, il suo nome è stato coinvolto in diverse inchieste penali su indagini delicatissime e trame talvolta oscure. Vitalone è stato più volte chiamato in causa nel processo Moro. Ed è stato assolto dalle accuse a suo carico per l'omicidio di Pecorelli. Dalle funzioni di magistrato, a cause delle sue pendenze penali, Vitalone è stato diverse volte sospeso e poi reintegrato dal Csm. L'ultima vicenda che lo ha visto protagonista è legata alla “battaglia” con il Csm nel gennaio 2007: in forza della cosiddetta “legge Carnevale” (varata dal precedente governo Berlusconi in base alla quale hanno diritto al reintegro e alla ricostruzione della carriera i pubblici dipendenti sospesi dal servizio in conseguenza di un procedimento penale concluso con l'assoluzione), Vitalone chiedeva “giustizia”. Fino a dover fare ricorso al Tar e al Consiglio di Stato contro il Csm che gli negava il diritto a ricostruirsi una carriera. Alla fine Nicola Mancino, vicepresidente dell'organo di autogoverno dei magistrati, in qualità di “commissario ad acta”, ha dato seguito alle decisioni della giustizia amministrativa stabilendo l'insediamento di Vitalone sulla poltrona di presidente di sezione. Un ruolo che comunque il magistrato aveva già svolto in questi anni, in Cassazione, nei collegi in cui risultava il più anziano.

 

Fonte

 

        

Il sito utilizza i cookies per migliorare l'aspetto e l'uso del portale. I Cookies sono usati solo per le operazioni essenziali. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information