Pubblicizza il tuo sito

Banner

Pubblicità

Home Notizie Attualità e Cronaca Il Consiglio d'Europa bacchetta l'Italia: processi lenti, servono misure urgenti

Donazioni

1€ PER I TUOI DIRITTI

SOSTIENI IL MOVIMENTO
"ITALIA DEI DIRITTI"

UN PICCOLO AIUTO PER LA LEGALITA'

Potete fare donazioni con :

PAYPAL, POSTEPAY e BONIFICO BANCARIO

- paypal, inviando la somma a italiadiritti@yahoo.it

- postepay, effettuando on-line, presso qualsiasi ufficio postale o presso qualsiasi ricevitoria Sisal una ricarica postepay sulla carta numero 4003-6005-8578-6249 intestata al presidente del movimento Antonello De Pierro.

- bonifico bancario su conto intestato al presidente del movimento Antonello De Pierro (codice IBAN: IT30 J056 9603 2180 0000 2079 X65)

Login



Il Consiglio d'Europa bacchetta l'Italia: processi lenti, servono misure urgenti PDF Stampa
Scritto da Redazione   
Venerdì 27 Marzo 2009 00:24

La Corte continuerà ad esaminare l'attuazione di questi casi . Quasi 9 milioni i casi pendenti nei tribunali. L'organizzazione con sede a Strasburgo: sulla Giustizia sono stati fatti progressi ma manca una soluzione definitiva

 

Bruxelles (Adnkronos/Aki) - L'Italia ha fatto dei progressi ma non ha ancora risolto in modo definitivo il problema della lunghezza dei processi: quasi 9 milioni i casi pendenti nei tribunali.

 Servono dunque "con urgenza misure ad hoc" per far fronte ai ritardi nella giustizia. Ci sono luci, ma restano anche delle ombre, nella fotografia scattata dal Consiglio d'Europa nella risoluzione provvisoria sulla durata dei procedimenti italiani, bancarotta inclusa.
"Il comitato dei ministri ha rilevato con interesse il progressi ottenuti con le misure adottate finora in ambito di procedimenti civili, penali e amministrativi" si legge in una nota diffusa a Bruxelles dall'organizzazione con sede a Strasburgo. "Il comitato sottolinea tuttavia che, dato il sostanziale ritardo in ambito civile e penale, approssimativamente 5,5 milioni di casi civili e 3,2 milioni di casi penali pendenti, come anche in ambito amministrativo, va ancora trovata la soluzione definitiva al problema strutturale della durata dei processi". Il comitato ha lanciato dunque un appello alle autorita' italiane affinche' "perseguano attivamente i loro sforzi per assicurare la rapida adozione delle misure gia' previste per i processi civili e penali e adottare con urgenza misure ad hoc per ridurre i ritardi in ambito civile, penale e amministrativo".
Ma non solo. "Si incoraggiano fortemente le autorita' a considerare una modifica della legge Pinto del 2001 per creare un sistema che risolva il problema dei ritardi nel pagamento delle compensazioni dovute, per semplificare le procedure ed estendere la portata dei rimedi per includere le ingiunzioni accelerando i processi". Fari poi sui fallimenti. "La riforma del 2006 sui processi per bancarotta - si legge nel testo - ha contribuito a diminuirne il numero ed accelerarli".
Nei casi di bancarotta il Consiglio d'Europa chiede dunque "alle autorita' italiane di continuare gli sforzi per assicurare che la riforma contribuisca pienamente all'accelerazione di questi procedimenti e di prendere misure per rendere piu' rapidi i processi pendenti a cui non si applica la riforma".
Il comitato dei ministri "invita le autorita' italiane ad assicurare l'attuazione delle riforme e valutarne gli effetti con la prospettiva di adottare, se necessario, ulteriori misure", si legge ancora nella nota sulla risoluzione. La Corte "continuera' ad esaminare l'attuazione di questi casi al piu' tardi alla fine del 2009 per i procedimenti amministrativi, meta' 2010 per quelli civili, penali e fallimentari".

Fonte

 

        

Il sito utilizza i cookies per migliorare l'aspetto e l'uso del portale. I Cookies sono usati solo per le operazioni essenziali. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information