Europee: il Pdl si ferma al 35,2%. Pd al 26,1%. Boom della Lega al 10,2%. Balzo di Di Pietro al 7,9% Stampa
Scritto da Redazione   
Lunedì 08 Giugno 2009 10:24

Al voto quasi 50 milioni di italiani

 

 

Roma (Adnkronos/Ign) - Il Partito della Libertà non sfonda il tetto del 40%, come si prevedeva nei sondaggi, in calo il Partito democratico che si attesta al 26%, successo della Lega e del partito di Antonio Di Pietro. Restano al palo, invece, tutti i piccoli partiti che dalla sinistra radicale alla Destra non riescono a superare lo sbarramento del 4%. Sono questi i dati che emergono a scrutinio quasi ultimato per l'elezione dei membri del Parlamento europeo.
Quando sono state scrutinate 61.406 sezioni su 61.428 e 2.406 su 2.900 all'estero, il Pdl è al 35,26% e il Pd al 26,13%. Per quanto riguarda le altre forze politiche la Lega Nord al 10,20%, l'Italia dei Valori al 7,99%, l'Udc al 6,51%, Rifondazione comunista e Comunisti italiani al 3,38%, Sinistra e libertà al 3,12%, la Destra-Mpa-Pensionati al 2,22%. Marco Pannella 2,42%. Per quanto riguarda i seggi in base alla seconda proiezione di Dinamiche per Rai il Pdl si aggiudicherebbe 29 seggi contro i 21 seggi del Pd, Lega 8 seggi, Idv 7 seggi, Udc 6 seggi.
 

Il sito utilizza i cookies per migliorare l'aspetto e l'uso del portale. I Cookies sono usati solo per le operazioni essenziali. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information