Pubblicizza il tuo sito

Banner

Pubblicità

Home Notizie Attualità e Cronaca Indovina chi non viene a cena? E il Cavaliere si allarma

Donazioni

1€ PER I TUOI DIRITTI

SOSTIENI IL MOVIMENTO
"ITALIA DEI DIRITTI"

UN PICCOLO AIUTO PER LA LEGALITA'

Potete fare donazioni con :

PAYPAL, POSTEPAY e BONIFICO BANCARIO

- paypal, inviando la somma a italiadiritti@yahoo.it

- postepay, effettuando on-line, presso qualsiasi ufficio postale o presso qualsiasi ricevitoria Sisal una ricarica postepay sulla carta numero 4003-6005-8578-6249 intestata al presidente del movimento Antonello De Pierro.

- bonifico bancario su conto intestato al presidente del movimento Antonello De Pierro (codice IBAN: IT30 J056 9603 2180 0000 2079 X65)

Login



Indovina chi non viene a cena? E il Cavaliere si allarma PDF Stampa
Scritto da Redazione   
Giovedì 18 Marzo 2010 01:00

Ieri a Montecitorio è successo quello che negli ultimi sedici anni di vita politica nessuno aveva mai nemmeno osato pensare.

Almeno tra i banchi di Forza Italia prima e del Popolo della libertà ora. E’ successo che, essendo in programma la cena di tutti i deputati del Pdl con il presidente del Consiglio Berlusconi, almeno una ventina tra gli invitati hanno ragionato per tutto il giorno sulla possibilità di non presentarsi. Per dare un segnale, stufi di venire a sapere della linea politica senza averne mai discusso e di avere come unica possibilità di comunicazione il volume da dare alle risate con le quali omaggiare le barzellette del premier. Si tratta di parlamentari giunti ormai alla terza, e in alcuni casi anche alla quarta e quinta legislatura. Sanno, dunque, che nel momento in cui si tornerà al voto non saranno ricandidati e cominciano a prendersi il lusso della ribellione, a guardarsi intorno, consapevoli che l’unione fa la forza e che, tutti insieme, possono anche fare la differenza che passa tra la maggioranza e l’opposizione. Lo si è visto martedì nel voto sulla pregiudiziale di costituzionalità sul decreto salva-Polverini, respinta solo grazie all’assenza di metà gruppo Udc. Sono peones che hanno assunto coscienza del proprio peso. Vedono il Pdl franare, tra scissione siciliana e autonomizzazione dei finiani, e non sono disposti a consegnarsi a Brambilla e Santanchè.
L’allarme è arrivato a Palazzo Chigi e per questo il Cavaliere nel tardo pomeriggio si è precipitato alla Camera per evitare sedie vuote a tavola. Soprattutto perchè un ammutinamento del genere, anche solo pensato, mal si concilia con l’ottimismo che Berlusconi ha deciso di spargere a piene mani, in particolare tramite i dipendenti degli uffici stampa governativi, per galvanizzare i suoi in vista della manifestazione di sabato a Roma. Poiché l’ultimo sondaggio sulla sfida Bonino-Polverini rende difficile mobilitare i quadri locali di un partito che rischia di non essere nemmeno presente sulla scheda, girano per il Transatlantico diffondendo in via informale il solito «sondaggio vero e riservato del Cavaliere». E fanno girare la voce di essere «praticamente sicuri» che, comunque vadano le cose, sulla lista del Pdl nel Lazio sabato dal Consiglio di Stato arriverà un bel regalo. Chi glielo ha detto?

Fonte

 

        

Il sito utilizza i cookies per migliorare l'aspetto e l'uso del portale. I Cookies sono usati solo per le operazioni essenziali. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information