Pubblicizza il tuo sito

Banner

Pubblicità

Home Notizie Attualità e Cronaca HIV, ogni anno 4 mila nuove infezioni

Donazioni

1€ PER I TUOI DIRITTI

SOSTIENI IL MOVIMENTO
"ITALIA DEI DIRITTI"

UN PICCOLO AIUTO PER LA LEGALITA'

Potete fare donazioni con :

PAYPAL, POSTEPAY e BONIFICO BANCARIO

- paypal, inviando la somma a italiadiritti@yahoo.it

- postepay, effettuando on-line, presso qualsiasi ufficio postale o presso qualsiasi ricevitoria Sisal una ricarica postepay sulla carta numero 4003-6005-8578-6249 intestata al presidente del movimento Antonello De Pierro.

- bonifico bancario su conto intestato al presidente del movimento Antonello De Pierro (codice IBAN: IT30 J056 9603 2180 0000 2079 X65)

Login



HIV, ogni anno 4 mila nuove infezioni PDF Stampa
Scritto da Redazione   
Martedì 24 Febbraio 2009 01:42
 
In Italia si registrano 4 mila nuovi casi l'anno di infezione da Hiv, che si aggiungono a un bacino di 120 mila persone sieropositive al virus dell'Aids. E se nella seconda metà degli anni '80 l'uso di droghe per via endovenosa era correlato al 70% delle trasmissioni, oggi i tossicodipendenti rappresentano meno del 10% dei nuovi infetti.
L'Hiv si contrae quasi esclusivamente per via sessuale e i nuovi sieropositivi hanno un'età media più alta: 38 anni contro i 26 anni del 1986. A fornire il quadro della situazione è stato Andrea Antinori, direttore del Dipartimento clinico dell'Istituto nazionale malattie infettive Lazzaro Spallanzani di Roma, partecipando nella capitale a una conferenza stampa sull'aderenza alle terapie antiretrovirali.
"Sta crescendo progressivamente - ha detto l'esperto - la quota di pazienti che scoprono il proprio stato di infezione in fase avanzata di malattia (oltre il 30%), e si stima che dei circa 120 mila sieropositivi italiani almeno un quarto sia inconsapevole del proprio stato. L'emergenza di questo 'sommerso' appare oggi come uno degli argomenti più rilevanti in termini di sanità pubblica".
Soprattutto se si pensa che il miglioramento delle terapie, con la riduzione degli effetti collaterali e la progressiva semplificazione degli schemi terapeutici, permette alla maggior parte dei pazienti di condurre un'esistenza normale e aspirare a una qualità di vita accettabile. "Bisognerebbe sdrammatizzare l'idea del test Hiv - ha sottolineato Adriano Lazzarin, primario della Divisione di malattie infettive dell'Irccs San Raffaele di Milano - e renderlo più accessibile a tutti. Stiamo pensando a un progetto per diffondere anche il test che utilizza la saliva, con sperimentazioni già partite nel capoluogo lombardo.
Effettuare l'esame facilmente, magari dal proprio medico di famiglia, ottenendo il risultato in pochi minuti, consente di tranquillizzare il paziente ed eventualmente di indirizzarlo subito a un centro specializzato per un consulto".
 

        

Il sito utilizza i cookies per migliorare l'aspetto e l'uso del portale. I Cookies sono usati solo per le operazioni essenziali. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information