Pubblicizza il tuo sito

Banner

Pubblicità

Home Notizie Attualità e Cronaca Scontri etnici, bagno di sangue in Cina: 156 morti, 800 feriti e centinaia di arresti

Donazioni

1€ PER I TUOI DIRITTI

SOSTIENI IL MOVIMENTO
"ITALIA DEI DIRITTI"

UN PICCOLO AIUTO PER LA LEGALITA'

Potete fare donazioni con :

PAYPAL, POSTEPAY e BONIFICO BANCARIO

- paypal, inviando la somma a italiadiritti@yahoo.it

- postepay, effettuando on-line, presso qualsiasi ufficio postale o presso qualsiasi ricevitoria Sisal una ricarica postepay sulla carta numero 4003-6005-8578-6249 intestata al presidente del movimento Antonello De Pierro.

- bonifico bancario su conto intestato al presidente del movimento Antonello De Pierro (codice IBAN: IT30 J056 9603 2180 0000 2079 X65)

Login



Scontri etnici, bagno di sangue in Cina: 156 morti, 800 feriti e centinaia di arresti PDF Stampa
Scritto da Redazione   
Martedì 07 Luglio 2009 00:16

Gli arrestati sono accusati di organizzare altre rivolte




Pechino, 6 lug. (Adnkronos) - Continua a salire il bilancio delle vittime degli scontri nella provincia nord occidentale cinese dello Xinjiang seguiti alle protese della minoranza uigura.

 

L'agenzia ufficiale Xinhua parla infatti di altri 16 morti, che fanno salire a 156 il numero delle vittime, secondo la polizia locale che ha annunciato questa sera di aver arrestato 700 sospetti, denunciando di aver ricevuto "informazioni" riguardo ai tentativi di organizzare "altre rivolte a Kashi City, Yili Kazak Prefecture and Aksu City" dopo quella di Urumqi. Oltre 800 sono invece i feriti. La polizia è intervenuta questa sera per disperdere "oltre 200 rivoltosi - scrive ancora la Xinhua - che si erano riuniti alla moschea di Id Kah, la più grande della Cina" e ha poi eseguito una serie di "raid" contro "diversi gruppi accusati di aver preparato le rivolte" a Urumqi, scrive ancora la Xinhua, secondo la quale molti arresti sarebbero avvenuti durante la rivolta da parte della minoranza islamica uigura. A Kashi, dove si trova la moschea di Id Kah dove è stata bloccata la manifestazione questa sera, la maggioranza dei negozi e dei ristoranti gestiti dagli uiguri sono rimasti chiusi. E la polizia ha istituito posti di controllo lungo la strada dell'aeroporto e nel centro della città.

Fonte

Ultimo aggiornamento Martedì 07 Luglio 2009 00:43
 

        

Il sito utilizza i cookies per migliorare l'aspetto e l'uso del portale. I Cookies sono usati solo per le operazioni essenziali. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information