Pubblicizza il tuo sito

Banner

Pubblicità

Home Scatto Matto Il vaffa dell'ottavo re di Roma

Donazioni

1€ PER I TUOI DIRITTI

SOSTIENI IL MOVIMENTO
"ITALIA DEI DIRITTI"

UN PICCOLO AIUTO PER LA LEGALITA'

Potete fare donazioni con :

PAYPAL, POSTEPAY e BONIFICO BANCARIO

- paypal, inviando la somma a italiadiritti@yahoo.it

- postepay, effettuando on-line, presso qualsiasi ufficio postale o presso qualsiasi ricevitoria Sisal una ricarica postepay sulla carta numero 4003-6005-8578-6249 intestata al presidente del movimento Antonello De Pierro.

- bonifico bancario su conto intestato al presidente del movimento Antonello De Pierro (codice IBAN: IT30 J056 9603 2180 0000 2079 X65)

Login



Il vaffa dell'ottavo re di Roma PDF Stampa
Scritto da Daniela Miniucchi   
Giovedì 30 Maggio 2013 02:16

 

il vaffa di tottiQuel pareggio col Pescara all’Olimpico Francesco Totti non l’aveva mandato giù come testimoniano gli scatti in campo del nostro fotografo Massimo Morabito, ma lo smacco più grande doveva ancora arrivare… perdere la Coppa Italia nel derby con la Lazio grazie al gol di Lulic deve essere stato davvero un brutto colpo per la storica maglia numero 10 della Roma.

Il capitano giallorosso ha infatti dichiarato subito dopo la sconfitta della squadra al settimanale “France football” di nutrire dei rimpianti per non aver vinto quei due o tre scudetti in più, tre Champions e due palloni d’oro che avrebbe conquistato giocando con il Real Madrid. L’ottavo re di Roma, sollecitato dal giornalista, parla malvolentieri della Lazio e la definisce “Niente”. L’addetta stampa della Roma è voluta tornare sulla dichiarazione del calciatore sottolineando che Totti con il termine utilizzato non voleva fornire parole per definire la Lazio.

Il capitano giallorosso è un fiume in piena ed alla domanda “Se suo figlio Christian ti dicesse fra qualche anno che esce con una tifosa della Lazio?” replica “A casa non ci rientra”ed ancora alla provocazione “Da bambino sua madre optò per l’offerta della Roma, se avesse scelto la Lazio?” Totti risponde ridendo “L’avrei ammazzata”.

Ma il rapporto con la Roma non è sempre stato idilliaco tanto che nel 2004 il campione giallorosso era in partenza per il Real Madrid. Alla fine è stato il cuore a trattenerlo nella sua squadra. Prima ancora, nel 1997, le incomprensioni con l’allenatore argentino Carlos Bianchi lo avevano quasi fatto decidere a firmare con la Sampdoria. Quella volta fu il Presidente, Sensi, ad imporsi e così Francesco Totti restò il simbolo dei colori giallorossi.

A chi gli chiede quale sarà il futuro della sua maglia Totti risponde che se la sua squadra decidesse, una volta finita la sua carriera, di non assegnare più la maglia numero 10 da un lato sarebbe contento, ma dall’altro rovinerebbe il sogno di un giovane che vuole indossare il 10 di Totti. Infine sul suo futuro il capitano della Roma ha le idee chiare “Se dovessi andare via dalla Roma andrei a giocare all’estero, non in un altro club italiano, ma invecchierò qui con la stessa maglia”. Dopo tanti anni per Francesco Totti c’è sempre l’amore per la sua Roma.

      Guarda le foto:

Galleria


Ammonizione dell'arbitro nella partita Roma-Pescar

Francesco Totti in campo

Francesco Totti mentre calcia un pallone

Un momento della partita Roma-Pescara

Un corpo a corpo del capitano della Roma

La buffa corsa all'indietro di capitan Totti

Totti in campo durante un'azione

Una buffa immagine dell'ottavo re di Roma

Il campione della Roma in azione

Il capitano manifesta il suo disappunto

 

        

Il sito utilizza i cookies per migliorare l'aspetto e l'uso del portale. I Cookies sono usati solo per le operazioni essenziali. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information